Unghia incarnita o onicocriptosi

unghia incarnita o onicocriptosi
unghia incarnita o onicocriptosi

L’unghia incarnita o onicocriptosi, è un disturbo che colpisce le unghie dei piedi, con una maggiore prevalenza a carico dell’alluce, pur non escludendo le altre dita. Se vengono trascurati i primi segni, può complicarsi in un’infezione che può portare alla formazione di un granuloma con conseguente dolore, difficoltà di deambulazione, e interferenze con la qualità della vita. Interferisce con le attività sportive, scolastiche e di lavoro.

Quando si verifica e perché?

L’unghia incarnita si verifica quando un angolo appuntito dell’unghia del piede penetra nella pelle provocando dolore, arrossamento ed infiammazione.

L’unghia incarnita si forma quando una scheggia o un angolo appuntito del margine laterale dell’unghia penetra nel tessuto molle del solco peringueale.

taglio correto delle unghie
taglio corretto delle unghie

Nell’80% dei casi si presenta unilaterale e colpisce soprattutto l’alluce.
Può manifestarsi a qualsiasi età, ma è più frequente tra gli adolescenti e i giovani adulti (20-30 anni). Durante l’adolescenza, l’aumentata sudorazione rende le lamine dei piedi particolarmente morbide, la pratica di sport può favorire la formazione di schegge ungueali. Nelle persone più anziane, la formazione di spigoli o di schegge nella lamina ungueale è legata, in genere, alla minore precisione nel tagliarsi le unghie.

Il processo di invecchiamento tende ad ispessire le unghie e a renderne ancora più difficile il taglio, provocando una crescita interna della lamina, con dolore e conseguente infiammazione e infezione.

Quali sono i fattori che possono favorirne l’insorgenza?

Diversi sono i fattori che favoriscono l’instaurarsi di un’unghia incarnita, tra cui anche il diabete di tipo 2.

  • Primo fra tutti è sicuramente un taglio errato dell’unghia che va a togliere una piccola parte di lamina, solitamente gli angoli, lasciando degli spigoli aguzzi nel margine laterale di questi, creando spesso delle lesioni nel tessuto peringueale. Nella cute umana sono abitualmente residenti una serie di microrganismi quali Stafilococco aureusalbus ed epidermidis e altri che – in queste circostanze possono iniziare a proliferare creando un’infezione.

Trattamento

Il trattamento varia in base alle condizioni al momento della visita. Spesso ci si trova di fronte a infezioni avanzate per cui è necessaria una terapia antibiotica sistemica e talvolta l’onicectomia (l’asportazione dell’unghia)

Se la situazione locale non è avanzata si può procedere ad un’asportazione chirurgica del solo granuloma e successive medicazioni risparmiando l’unghia.

Condividi: